giovedì 1 ottobre 2015

ANTONIO FAGO: IMPEGNAMOCI TUTTI A SALVARE IL PIANETA

Uscita la prima relazione sullo stato della green economy in Italia. 

Si tratta di una fotografia di quanto le imprese fanno per impegnarsi nei principali settori "verdi" del Paese: è la prima relazione sullo stato della green economy in Italia. 

Ma si tratta anche della più importante novità degli Stati generali della green economy per quest’anno, in programma a Ecomondo a Rimini Fiera, il 3 e 4 novembre (www.statigenerali.org).

"L’ obiettivo - spiega Antonio Fago - è di sensibilizzare le imprese a rivedere i propri comportamenti, promuovendo le buone pratiche. Fattori indispensabili per ridurre drasticamente l'impatto negativo dell'umanità sulle scarse risorse naturali a disposizione". E chiarisce come questo sia un momento storico, in cui è necessaria una crescente pressione dei cittadini e delle imprese virtuose per portare a un vero e proprio cambiamento strutturale.

Spazio ad un punto di vista internazionale con un focus sulla collaborazione ambientale Italia-Cina e un approfondimento sul vertice delle Nazioni Unite di Parigi a dicembre, per il quale sarà possibile sottoscrivere l’appello delle imprese per un accordo globale sul clima; appello che saraà sottoposto all’attenzione del ministro dell’Ambiente (le conclusioni della sessione di apertura, nella prima giornata la mattina del 3 novembre, saranno affidate al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti). 

La due giorni è organizzata dal Consiglio nazionale della green economy, composto da 64 associazioni di eco-imprese, in collaborazione con il ministero dell’Ambiente e il ministero dello Sviluppo economico e con il supporto tecnico della Fondazione per lo sviluppo sostenibile. ”Ora che la recessione e’ alle spalle – osserva Edo Ronchi del Consiglio nazionale della green economy – l’Italia puo’ puntare sulla green economy per qualificare e rafforzare la ripresa. Un buon accordo internazionale, necessario per contrastare il cambiamento climatico, potra’ dare un nuovo impulso anche nel settore delle rinnovabili che in Italia ha recentemente subito una forte battuta di arresto”.

Prima di questo evento segnaliamo anche la presentazione, che avverrà il 23 Ottobre all'EXPO 2015 - presso il Padiglione Lombardia - ore 16, organizzata dalla Fondazione Sorella Natura. Una occasione per parlare dell'urgente necessità di dare luogo ad una cultura che ponga in maniera corretta il rapporto Uomo – Creato, per avviare a soluzione i gravi problemi ambientali che caratterizzano il pianeta alle soglie del terzo millennio, impone la messa in atto di una forte e concreta azione di educazione etico - ambientale.


Argomenti correlati 
ASPETTANDO LA COP21 DI PARIGI

La COP21 di Parigi è l’ultimo momento utile per cercare di schivare il proiettile, e i leader mondiali ne sono consapevoli. A questo servono gli impegni già presentati all’Onu da 166 Paesi, le cosiddette “Indc” (Intended Nationally Determined Contributions), cioè impegni volontari di riduzione. In pratica, i governi si presenteranno a Parigi con piani separati e autonomi, in cui ognuno ha scelto il suo punto di partenza e di arrivo. 



Nessun commento:

Posta un commento