mercoledì 29 luglio 2015

LA SALUTE DEL PIANETA È IN MANO NOSTRA

La Puglia, e in particolare Taranto, è una regione con un territorio tanto meraviglioso quanto fragile. Fragile a causa della sue caratteristiche geologiche, ma soprattutto per una gestione dissennata del territorio e una mancata visione politica di salvaguardia e sostenibilità: basti pensare al livello di urbanizzazione disordinata e speculativa, sottrazione sistematica di terreno agricolo, cementificazione, infrastrutture calate dall’alto e spesso focolai di corruzione, disastri ambientali causati dalla voracità di imprenditori senza scrupoli. 

È proprio su questi temi che ha fatto leva il dr Antonio Fago. La stessa vicenda dell'Ilva, protagonista del peggior disastro ambientale in Italian, è testimone di uso scellerato delle nostre preziose risorse ambientali: se il pericolo per l’inquinamento ambientale è ora sotto controllo i costi milionari della bonifica sono una spada di Damocle sulla comunità, visto che i colpevoli, per vari motivi, non pagheranno. 

Il rischio ambientale incide su diversi aspetti della gestione di un’impresa: sul profilo economico, sulla continuità dell’attività, sui risvolti penali e sull’immagine.Una azienda che utilizza sostanze nocive è particolarmente esposta a tali rischi considerando la natura della produzione e le caratteristiche degli impianti. 


"Certo -  dice Antonio Fago - dobbiamo avere la capacità, la prevenzione e l’umiltà di non pensare al nostro benessere attuale ma costruire per un migliore benessere per i nostri figli. Approfittare del presente danneggia tutta la collettività compresi i nostri familiari. Chiamiamolo sentimento interiore, qualcosa che senti, una parte che tu puoi dare ad altri, ma che ritorna in bene anche a te stesso".


Nessun commento:

Posta un commento