mercoledì 30 maggio 2012

XXXI CARNEVALE DELLA FISICA: LA FISICA DEI PREMI NOBEL


Ultimo aggiornamento ore 19,55

Dopo la 30° edizione del Carnevale della Fisica ospitata dal blog Scienza e musica, è la volta della XXXI edizione ospitata su questo blog.

"Alla scoperta dei premi  Nobel" oltre a essere il titolo del blog,  è anche il nome di un libro che oltre a parlare di scienziati premiati dall'Accademia Svedese, cerca di estendere al maggior numero di persone la conoscenza e il contenuto della scoperta di uno tra i Premi Nobel più amata dai Nobel stessi: la professoressa Rita Levi-Montalcini.  

E'  per questo che il Carnevale della Fisica di questo mese sceglie "La Fisica dei Premi Nobel" come tema narrante, lasciando però spazio a tutta una serie di libertà narrative. 

Ecco i contributi, sempre ricchi e stimolanti, in ordine di arrivo: 

UMBERTO GENOVESE
Pochi forse sanno che l'italica abitudine di buttar via promettenti e brillanti scienziati è antica quanto il nostro Stato, Anche Guglielmo Marconi fu costretto ad andare in Inghilterra per sviluppare le sue geniali scoperte perché un oscuro burocrate lo riteneva "pazzo".
In Italia ci ricordiamo dei nostri scienziati solo quando sono diventati famosi all'estero, lo fece Mussolini con gli elogi a Marconi e lo ripetiamo ancora oggi quando ci riempiamo di orgoglio se un italiano scopre qualcosa di importante ...  in questo articolo Umberto Genovese racconta di una vicenda meno nota del grande scienziato: alcuni segnali spuri da lui ricevuti tramite onde radio gli fecero pensare (come scrisse il New York Times) che i segnali provenissero da fonte extraterrestre. Marte?


ALDO DOMENICO FICARA 
Un contributo  sulle più promettenti applicazioni nel settore delle nanotecnologie per la tutela della salute in un pdf scaricabile.


ROBERTO FLAIBANI 
"Peccato. Peccato davvero" - ci scrive Roberto Flaibani "che non possa sottoporvi questo articolo per il Carnevale #31, in quanto è stato parte di una edizione precedente.  Ci sarebbe stato, come si suol dire, come il  cacio sui maccheroni. In ogni caso ve lo segnalo, e vi garantisco una piacevolelettura. Una bella risata fa sempre buon sangue!
A Piergiorgio Odifreddi il Premio Nobel per la Fisica


Si tratta, invece il seguente, di un articolo pubblicato diversi mesi fa che però può essere considerato a  buon diritto un evergreen perchè parla di una missione che sarà lanciata, se mai lo sarà, non prima della metà del secolo.
"L'articolo - spiega Roberto Flaibani - è in tema ed è un esempio di post molto letto in un blog poco letto: me lo ritrovo scopiazzato a destra e a manca, molto spesso senza nemmeno citare la fonte".
Missione FOCAL: viaggio ai fuochi gravitazionali del Sole e dei Pianeti



ROSA MARIA MISTRETTA 
Un breve ricordo a un grande dell'astrofisica moderna: Subrahmanyan Chandrasekhar, più noto con il nome di Chandra.
Uno dei maggiori contributi che diede alla causa dell'astrofisica prende il nome di "Limite di Chandrasekhar". Le stelle più grandi di una quantità pari a 1,44 la massa del Sole sono destinate a collassare a stella di neutroni (e forse a buco nero).
Un Nobel all'evoluzione stellare 


LEONARDO PETRILLO ci invia un articolo che descrive la figura del grande fisico danese Niels Bohr, insignito del Premio Nobel per la Fisica nel 1922.
Il contributo si focalizza sulla parte biografica, contenente anche episodi singolari della vita di Bohr, e sul modello atomico da egli elaborato.In particolare, si parte dalla descrizione del modello atomico di Rutherford (mentore e "quasi secondo padre" di Bohr), per giungere proprio a quello rivoluzionario (in quanto basato sulla teoria quantistica) del fisico danese.
Vita e scoperte di un grande fisico danese: Niels Bohr 


GABRIELE GIORDANO
Oggi sembra tutto scontato. Si entra in macchina, si schiaccia un bottone e parte la musica. Pare normale, ma se ci si pensa a come poteva essere tutto  sconvolgente fino a qualche decina di anni fa, apprezzeremo ancora di più la genialità di un personaggio che rende grande l'Italia: il Premio Nobel Guglielmo Marconi. Per scoprire che tutto ciò che chiamiamo "Wireless" (senza fili) lo dobbiamo a questo genio purtroppo incompreso dal governo italiano. Una invenzione che garantì spesso il salvataggio di molte persone in casi di emergenza e la diffusione della radio come strumento principale e universale di comunicazione,  idee, cultura e intrattenimento.
Telegrafo "Wireless" 


PAOLO PASCUCCI ci invia una serie di link a temi tutti interessantissimi. 
fa parte della serie delle illusioni ottiche e starebbe altrettanto
bene su un carnevale di neuroscienze che su uno di fisica. l'aggancio fisico
è dato dal tipo di illusione, una sfida alla legge di gravità. Autore un giapponese, vincitore
del 2012 Best Illusion of the Year Contest.

Una serie di filmati tratti da Youtube della recente eclissi solare anulare.


Sempre sull'eclissi solare anulare, con una bella introduzione al fenomeno della Nasa.


Si tratta di una timelapse realizzata con fotografie della Terra prese dal satellite leteorologico russo Electro-L.

Viene mostrato il dualismo onda-particella per molecole massive (tra 514 e 1298 AMU)
prova, a quanto affermano i ricercastori, della loro natura quantistica.
Potrebbe essere un sistema per stabilire il confine tra fisica classica e fisica quantistica.

Un'infografica di space.com sulla supermoon e un tentivo di spiegare l'effetto.


La Nasa fa un po' di autopromozione sulle ricerche intraprese e da intraprendere, con un filmato di grande fascino.



ANNARITA RUBERTO 
I Nobel per la scienza femminili si contanto sulle dita di una mano:  quelli per la fisica ancora meno. Sono due soltanto. Il primo venne consegnato a  Marie Curie (1903), che poi vinse anche il Nobel per la chimica,  e  il premio a Maria Mayer (1963).  Per poter sostenere gli esami di ammissione all’università, il padre le fece frequentare una piccola scuola privata per ragazze. Accadde lo stesso anche al nostro Premio Nobel Rita Levi-Montalcini. Le vite di queste giovani scienziate, pioniere del loro tempo, denotano una certa somiglianza.


GIANLUIGI FILIPPELLI 
Albert Einstein non vinse il Premio Nobel per la sua teoria della relatività, come qualcuno potrebbe pensare. Era ancora troppo presto per una teoria che avrebbe rivoluzionato il mondo della fisica, e pochi erano ancora in grado di accettarla. Il premio gli fu dunque consegnato per lo studio di un fenomeno meno noto al grande pubblico.

Il primo è  ispirato da una domanda giunta all'autore su uno dei blog inglesi. Gianluigi Filippelli prova  a raccontare una teoria alternativa alla materia oscura che spiega le attuali osservazioni astronomiche reintroducendo dalla "finestra" un principio molto simile a quello antropocentrico di tolemaica memoria


OLIMPIA D. ONELLI è una giovane studentessa di fisica a Cambridge.
Nel suo  racconto a tema scientifico (in circa 600 parole)  ci descrivono una piccola storia d'amore tra due scienziati tra Ginevra e il Gran Sasso, fornendo un'interpretazione un po' fuori dal coro della velocità superluminare dei neutrini. 



ELISABETTA DURANTE, all'ultimo minuto, ci invia un interessante articolo (fonte DISTI) dei ricercatori che hanno più contribuito a raggiungere questo risultato che ha segnato una svolta nella storia della scienza. Tra questi anche il nostro Enrico Fermi, Premio Nobel per la Fisica (1938). 
I fisici in Italia e nel mondo 


Ringraziamo MARIA ROSA MENZIO, fondatrice di Teatro e Scienza,  per averci inviato un  estratto del "Sidereus Nuncius" di Galileo, intervallato con qualche poesia un po'... osè dello stesso Galileo. Purtroppo il pezzo era molto lungo, ma saremo lieti di pubblicare il link qualora lo trovassimo su web. 



PROSSIMA EDIZIONE
Un grazie a tutti i partecipanti: vi diamo appuntamento alla prossima edizione (30 giugno) sul blog di PAOLO PASCUCCI "Questione della decisione". Chi lo desidera può già inviare i link dei propri contributi possibillmente entro il 27 del mese di giugno alla email paolopasc@gmail.com

BLOG DI RIFERIMENTO
Il sito di riferimento per il Carnevale della Fisica si trasferisce invece da questo mese sul blog seguente: http://carnevaledellafisica.blogspot.it

COME PARTECIPARE?
Chi desidera infine partecipare al prossimo carnevale ma non sa come fare, oppure vuole ospitarne una edizione sul proprio blog può scrivere a redazione@gravita-zero.org 






5 commenti:

  1. Devo segnalare che non è presente nel Carnevale il mio contributo, scritto sul blog Scienza e Musica, inerente alla figura e alle scoperte di Niels Bohr: http://scienzaemusica.blogspot.it/2012/05/vita-e-scoperte-di-un-grande-premio.html

    Avevo inviato la mail, contenente il link al suddetto contributo, in data 26 maggio, all'indirizzo associazionelevimontalcini@gmail.com, con la seguente breve presentazione:

    "L'articolo descrive la figura del grande fisico danese Niels Bohr, insignito del Premio Nobel per la Fisica nel 1922.
    Il contributo si focalizza sulla parte biografica, contenente anche episodi singolari della vita di Bohr, e sul modello atomico da egli elaborato.
    In particolare, si parte dalla descrizione del modello atomico di Rutherford (mentore e "quasi secondo padre" di Bohr), per giungere proprio a quello rivoluzionario (in quanto basato sulla teoria quantistica) del fisico danese."

    Spero che l'inconveniente possa essere risolto!
    Per il resto, complimenti a tutti per questo fantastico Carnevale incentrato su diversi Premi Nobel per la Fisica e non solo!

    Leonardo Petrillo

    RispondiElimina
  2. Devo anch'io segnalare l'assenza del mio contributo. Esso trattava l'argomento del telegrafo senza fili
    http://erafutura.blogspot.it/2012/05/telegrafo-wireless.html

    Anch'io come Leonardo, ho mandato la mail all'indirizzo associazionelevimontalcini@gmail.com in data 26 maggio.

    Colgo l'occasione per congratularmi con i carnevalisti!

    RispondiElimina
  3. Speriamo venga fatta al più presto la correzione del disguido, con la pubblicazione dei due meritevoli post.

    RispondiElimina
  4. Le nostre scuse a tutti i partecipanti e ai lettori, alcuni messaggi sono finiti inspiegabilmente nello spam e ora li stiamo prontamente recuperando e pubblicando.

    RispondiElimina
  5. tutto è bene quel che finisce bene, ma certo il Carnevale non finisce. Certo che il recupero dallo spam ha quasi raddoppiato i contributi!

    RispondiElimina