sabato 20 marzo 2010

MOLECOLA DA NOBEL - DI PIERGIORGIO ODIFREDDI

La recensione sulla pagina di L'Espresso

Succede di rado di trovare un libriccino tanto denso di informazioni come questo, che in un solo centinaio di pagine contiene la storia del premio Nobel, l'album fotografico di tutti i 19 vincitori italiani, uno schizzo biografico di Rita Levi-Montalcini, l'elenco completo delle sue pubblicazioni scientifiche, una sintesi delle sue riflessioni e iniziative umanistiche, una sua intervista, alcune sue foto, ma soprattutto una trattazione divulgativa della sua scoperta principale, corredata da un glossario dei termini tecnici.

Tutti infatti conoscono il nome e la ieratica figura del premio Nobel 1986 per la medicina, che per anni è stata l'unica donna nel suo campo di ricerca: tanto che, come lei stessa ricorda orgogliosamente, ai congressi ai quali partecipava le prolusioni si aprivano normalmente con un "Lady and Gentlemen". Ma pochi sanno perché ha vinto l'ambito premio: cioè, per la scoperta dell'NGF, o Fattore di Crescita Nervosa. E meno ancora sarebbero in grado di dire che cosa mai questo sia, e a cosa serva.

Come spiega semplicemente il libretto, si tratta di una molecola scoperta dalla Montalcini nel 1953, che regola e favorisce la crescita delle cellule del sistema nervoso, causando il sorprendente effetto illustrato dall'immagine di copertina. In seguito si è compreso che l'Ngf svolge un importante ruolo di coordinamento fra i tre grandi sistemi (nervoso, endocrino e immunitario) che mantengono lo stato di salute di un organismo: gli animali privati dell'Ngf si sviluppano male capiscono meno, si ammalano di più, invecchiano prima del solito, mentre quelli curati con l'Ngf recuperano parte della funzionalità persa a causa dell'età. Farmaci a base di Ngf sono già oggi usati per curare distrofie della cornea, e domani potrebbero essere cruciali nel trattamento delle infiammazioni allergiche, della sclerosi, dell'artrite e dell'Alzheimer: si può dunque non essere grati a chi ha per prima scoperta e studiata questa sostanza?

Piergiorgio Odifreddi
.

1 commento:

  1. Assolutamente meravigliose e spettacolari nei loro colori accesi ^^
    Davvero un bellissimo risultato! Ciao, a presto
    Adrianne @ Robot Da Cucina - Scegli Il Meglio

    RispondiElimina